La Maschera-Ghigna

Quando la commessa ha detto che le spiaceva, ma il libro che avevo ordinato non era a sconto mi è venuta incontro una maschera dura. Era una Maschera che vagolava già da un pezzo, fra la macchina e l’ufficio, nel corpo calloso del mio cervello, nell’acqua sputata appena lavati i denti, prima del lavoro. Eccola di nuovo, stavolta in una libreria . Addestrata, oliata di ricino e istruita su quel che c’è da rispondere. È bastato lasciarla fare, perché sa che fra gli uomini funzionano bene il risentimento e il senso di superiorità. “E potrei fare anche di più”, mi ha confidato la Maschera-Ghigna, mentre parlava con la mia voce alla commessa, e  si attaccava come una peste ai quei pochi euro di sconto. Incerta, io la lasciavo fare. Mi ricordavo solo che anni prima mai Essa si sarebbe sognata di venirmi trovare, di parlare con la mia voce, usare la mia Ghigna. No, anni fa ci sarebbe stata solo la mia faccia più giovane di fronte a un libro ordinato a sconto  e venduto misteriosamente a prezzo pieno. E avrei sentito la mia voce dire “certo, mi scusi per l’errore” e nella leggera confusione e nel fastidio dei commessi di fronte a tanta (mia) insipienza sarei volata via felice di tenere tra le mani un libro come un tesoro. Anche a prezzo pieno.

Annunci
La Maschera-Ghigna

2 pensieri su “La Maschera-Ghigna

  1. Della Cartapesta son Maestri coloro che incrociano la nostra via e chi con un cattivo saluto, chi con una parola di troppo, o una di meno, chi con un piccolo sopruso quasi di bambino, tutti portano quel tanto di colla o di carta di giornale che macera nel secchio dell’esperenza. Asciuga al sole e si stende sulla pelle trasformando il viso e neppure più sappiamo se siamo in una Togata o in una Cothurnata, se siamo protagonisti o antagonisti. Che amara illusione. Coreuti senza trama ci aggrappiamo a quello scambio di battute dove il fiele travasa di bocca in bocca, scampolo di vicenda che non appaga, ma irrigidisce e stringe una maschera ogni giorno un poco più greve e un po’ più scomoda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...