Il primo sole

Eri su uno scaffale, piccoletta, con la terra secca e i fiori già spelacchiati. Mi pareva che tu non potessi sopportare i neon, l’aria secca e nemmeno il nome sul cartellino, accanto al codice a barre. Pelargonio zonale. Così ti ho tirata su e ti ho messo in un cesto di plastica. Era sbagliato pagarti, ma in questo modo va il mondo degli uomini. All’ultimo sole, forse per te il primo vero dopo il vivaio e la serra ti ho vista tremare e ho provato un po’ a raccontarti dell’oliveto, dei passeri e i crochi e le piane assolate che ti aspettano. Non so se tu abbia capito ma non importa, andiamo a casa.

Annunci
Il primo sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...