Il conflitto

Leggendo Stephen King o altri altrettanto amati e famosi, c’è, nello scrivere, tra le tante forze, quella di procrastinare e quella del tendere a qualcosa. Esse si comportano come un corpo elastico e a suo modo resiliente che si muova in grande efficienza.
Partivo un po’ da questo pensiero. Seduti a un tavolino di bar si chiacchierava di uno dei miei ennesimi tentativi di racconto o di romanzo. Il barista pestava del ghiaccio in due bicchieri e le sedie erano foderate di nylon.
<< Sarò davvero un scrittrice?>>, ti domandavo.
E tu facevi il gesto del Cristo, siamo ancora a ‘sto punto? Proseguiamo!, in realtà tiravi un pizzicotto al tuo trilby vuoto sulla spalliera e al massimo dell’impazienza incalzavi:
<< Sì, bello, tutto molto bello, ma dov’è il conflitto?>>

Il conflitto.

E’ quella cosa che lavora sotto alle storie: un desiderio, un oggetto miracoloso, un amore, un chiarimento  necessario quanto taciuto.
Il conflitto. Un personaggio femminile al tavolo con gli occhi chiusi e un lucido deretano di penna fra le labbra. Un cancello discosto. Un uomo che entra in una stanza dove tutti ammutoliscono. Una gelosia, ma non il sentimento, proprio una giöxîa come in lingua genovese e, da lì, una luce.
Ci sono delle regole per parlare al prossimo e non si possono infrangere.
Anche io avvicino una mano al tuo trilby ma poi faccio il gesto dell’aspetta, aspetta. Tutto sotto controllo.
In realtà anche io cerco di raccontare qualcosa. Solo che, chissà come, non è mossa dai morbidi o bruschi squilibri del conflitto, non è insomma un fluire o un ingorgarsi delle psicologie o delle circostanze verso luoghi di differente pressione, in cerca dell’omogeneità, della pace.

Ma allora cos’è?

Non so come mi venga in mente, ma sul cruscotto della macchina tengo un kazoo, grazioso membranofono dildoide al quale appoggiare le labbra ogni volta si desideri essere liberati dalla propria voce naturale.
Soffiando, non succede niente. Ma basta un sussurro ben inferto e la lenticola di carta velina infissa al suo centro, finalmente vibrante e autonoma, comincia a parlare con te. Informicola le labbra, confonde la saliva e i succhi dei denti, sintonizza il cervello lungo un’equatore sottile, da orecchio a orecchio. Non ingannarti. Non sei tu. Semplicemente aspettava qualcuno come te. Ecco, questo è forse un conflitto?, mi domando.

<< Non saprei>> ti rispondo a voce alta, sconfitta. E non so mai andare oltre.

Annunci
Il conflitto

11 pensieri su “Il conflitto

  1. Vorrei condividere qui alcune parole che la scrittrice Linda Lercari ha avuto per me e questo mio pezzo. Poiché Linda è una scrittrice e una poetessa, ha la capacità di sviscerare la realtà a fil di spada. E infatti in poche frasi ha trasfigurato il mio semplice scritto e l’ha lanciato in una dimensione molto più alta, arrivando a dare un’analisi acuta e allo stesso tempo densa e poetica di alcuni dei problemi e delle questioni più stringenti che interessano la letteratura contemporanea. Eccola:

    “Il conflitto è quel gorgo nero nel quale la narrativa moderna viene risucchiata. Vortice bulimico di lettori desiderosi di frustare con la carta vite adipose. Il conflitto è il desiderio dei lettori masochisti alla ricerca di un nuovo Marchese che li stimoli là dove ormai non v’è più lo spazio per la riflessione intima. Amica mia, dolcissima fata verde che intingi la penna nell’assenzio e verghi su sottili fascette quanto ci circonda e che osservare dovremmo. Una sedia ricoperta di Nylon, il ghiaccio nel bicchiere, ma il conflitto reclama ad alta voce quell’attenzione che tu vuoi negargli, beffarda dama troppo acuta per chinart al suo volere, troppo intelligente per piegarti a una regola nata solo dalla corsa sfrenata verso il niente. Intanto le fascette fremono e attendono che il tuo occhio vigile colga un nuovo pezzetto di questo mondo di cui nessuno scrive, ma in cui si vive.”

    Non posso che sentirmi onorata da parole simili, ho pensato di riportare in questo spazio perché per me sono troppo preziose e non avrei sopportato di perderle. Linda è così, le basta un accenno, un accavallarsi di gambe, un profumo, il passo sinuoso di un gatto per incendiare un foglio e portarci in mondi nuovi, di narrazioni fino epiche. Di poesia. Per chi la volesse conoscere meglio questi sono alcuni dei suoi link di riferimento:

    http://ilmiolibro.kataweb.it/utenti/87646/linda-lercari/
    https://www.facebook.com/Linda-Lercari-1485362318354833/?ref=aymt_homepage_panel

    Fosca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...