Una sera di dicembre

Cercavo di raccontarti, era qualcosa che aveva a che fare coi finestrini in movimento,  con la pianura già leggermente ghiacciata e l’autostrada che portava via anche la voglia di preoccuparsi.
Tu avevi parole precise e i tuoi problemi riguardavano cose che si possono o non si possono avere,  che si possono o non si possono fare.  Io avevo un orizzonte di cui non conoscevo il senso e l’immanenza.
Una città viva schiudeva le sue mura perenni. Si lasciavano scorgere dalle recinzioni addormentate,  dalle distese ormai brune dei vivai. E chiamava,  chiamava tanto lontano da spezzare le ginocchia. Allora ti guardavo un po’ vergognosa come fanno le cagne piene d’amore. Ti guardavo e mi eri anche accanto,  oltre che distante,  e non sapevi quanto avrei desiderato sentire anche laggiù  la tua mano benigna,  i tuoi passi così come li conosco nel mondo.
<Lascia che ti racconti una favola> balbettavo,  per trattenerti.
< Bella> mi rispondevi,  grata, luminosa.
Ma restava una ruga adulta al centro della tua fronte. Senza neanche saperlo avevi già deciso di continuare da sola la tua marcia, incontro al domani.

Annunci
Una sera di dicembre

Un pensiero su “Una sera di dicembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...