Pieve a Elici

Pieve a Elici, hai una cintura di querce e un cimitero cristiano già stanco. Di giorno c’è chi fa la fila per la messa,  di notte se posso porto una carezza segreta alle scorze dei tuoi lecci. Li sforbiciano,  li domano.  Ma se mi avvicino mi guardano con occhio selvaggio. Pieve a Elici, sento le fessure di sale,  il movimento dei tuoi nervi. Una volta nel piazzale ho incontrato un uomo, aveva una radio,  una mappa e una tavola di legno,  parlava aggiustando un’antenna e io non capivo. Un’altra sera fumavo e due principiarono a congiungersi e io trovai che mi stavo sfogliando e stavo diventando secca semplicemente perché,  nell’idea delle cose importanti, non mi ero procurata pioggia abbastanza. Poi il fuoco della sigaretta li spaventò e mi lasciarono sola. Pieve a Elici,  ora che è estate a valle fioriscono le villette,  i cancelli smaltati e le surfinie di serra. Più a ovest però io so le sabbie gelose che prepara la costa,  le allucinazioni leggere dell’aria e le nuvole schiacciate dal troppo cielo, come una rivolta. Dicono: Resistere.

Annunci
Pieve a Elici

5 pensieri su “Pieve a Elici

    1. Ciao newwhitebear, come stai? Grazie per queste tue parole, Pieve a Elici è un luogo speciale, ci sei mai stato? Se no te lo consiglio, credo che potrebbe piacerti… Grazie ancora, un abbraccio…

  1. Valeria ha detto:

    Che descrizione… meravigliosa: io conosco bene Pieve a Elici, ci passo spesso e, inevitabilmente, mi fermo… Lì la morte non esiste.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...