Casa

Quando torno le tende tremano dalla finestra più bianca lasciandomi  incerta fra i dubbi e il coraggio: così mi accosto facendo scricchiolare le foglie e le scarpe e penso: casa. Lungo la doccia  una vena di calcare si è mossa di frazioni sostanziose come capelli, sui muri si aggrappano i saltapicchi e le moschine della frutta, la cucina riposa nella cipria dei muri scrostati. In qualche modo, casa. Ricordano allora i miei occhi spirituali delle molte volte che tutte quelle finestre tutte quelle porte si sono aperte o sbattute o socchiuse. Di come siano saliti alle travi i vapori delle vivande e gli intingoli o la nebbia  delle docce appena fatte. O il sussurro spirituale o compitante delle parole lette su un divano, una poltrona dai braccioli rigati, un piccolo orto senza pozzi e senza sostegno, se non quello dato da chi sul serio capisce. Così mi accosto al muro e stupita mi dico: casa.
E le tende tremano. Potrò  cancellare nulla, la mia sarà una vena d’acquarello, una mano felice che si amalgama e rimane.

Annunci
Casa

5 pensieri su “Casa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...