I sentieri celesti

Guidavo ma ero ancora avvelenata per il giorno trascorso , sentivo il lucido sulla pelle e l’odore delle parti cave – l’inguine, le piccole conchiglie delle ascelle – salire a seconda dei movimenti nell’abitacolo. La macchina sapeva di giornali e foglie impastate di terra, allora per simpatia sono scesa perché non potevo sopportare di stare dell’altro seduta e ho scelto nel bosco una collana di foglie. Un capriolo ha fiutato l’odore forse malato della gente rinchiusa, ha volteggiato sulle unghie e tremato nell’aria finché non è rimasto un velo e una breve sensazione di umido e  menta, come di rugiade, poi ha guadagnato il ciglio ed è scomparso.

Ho continuato a guidare fino a casa ma poi non so cosa è successo, la sera è arrivata subito e avevo già alle calcagna il giorno venturo e ho avuto paura, ho preso la corda dal chiodo conficcato vicino alla porta , ho legato il cane e l’ho portato nel bosco.
Ogni passo sollevava un  odore leggero di erbe e di orina. I noccioli, gli sterpi, i rami biondi delle robinie tremavano al passaggio di molti corpi, di gruppi di tante piccole zampe. Slanciandosi verso le prede il cane mi tagliava la strada, le dita scricchiolavano nella stretta del guinzaglio ma eravamo entrambe concentrate e in silenzio finché siamo arrivate alla radura, l’aria era tiepida e vidi qualcosa che non mi era mai capitato.

Una lingua azzurra si levava dall’erba imperlata. Sono rimasta davanti alla spira di luce mentre saliva , lunghe plaghe di nuvole veleggiavano  intorno  e le stelle erano calme mentre nasceva e impennava un’altra volta sulla terra un altro dei loro misteriosi sentieri celesti. E ho pensato ai molti fuochi, alle danze, alle tuniche sacre e ai giochi dei corpi che hanno acceso o bagnato la terra, tutti gli occhi che forse hanno visto le stesse cose senza capire o che, terrorizzati, si sono convinti di aver visto solo alberi e animali dove invece scorreva la torrentizia presenza di qualcos’altro. Poi ho sentito umido e molto caldo mi sono accorta che le mani erano del tutto spaccate dal guinzaglio e il cane si lanciava verso i crepacci e gli sterpi. Allora mi sono trascinata vicino la luce e ho toccato un sasso. Una striscia di sangue violetto è fiorita sulla roccia chiara, la mia mente diurna ha pensato di averlo sporcato, ma subito dopo questo pensiero si è accartocciato come una sfoglia e mi sono accorta che avevo paura così ho corso più che potevo, strattonando il cane, tenendo il guinzaglio ormai viscido. E desiderando casa.

Annunci
I sentieri celesti

6 pensieri su “I sentieri celesti

  1. Sembrano pensieri in libertà, esattamente come la mente li ha partoriti. Quindi un po’ caotici e a tratti anche interessanti.
    Ad esempio la scena del capriolo è un po’ tirata per i capelli.Mentre l’ultimo paragrafo è decisamente migliore.

    1. Grazie newwhitebear… La mia vita non mi lascia molto tempo, così spesso mi esprimo anche precipitosamente, con le parole che mi suggeriscono la circostanza e l’animo. Comunque avevo parcheggiato lungo un ciglio erboso e avevo caracollato per il bosco. Molto veleno nella testa e nebbia e acqua cattiva negli occhi. Volevo sentire le foglie sotto le piante e le resine, le cortecce e le altre entità profumate della terra, niente altro. Quella creatura è affiorata fra gli alberi. La vedevo un po’ volare un po’ galoppare, poi è scomparsa e me ne è rimasta l’immagine sulle labbra. Ma forse lasciando asciugare anche questo scritto io stessa ne avrò meno pietà e proverò rimorso o fastidio per questo capriolo, forse mi sembrerà avventato e inutile il suo racconto e lo espungerò. Intanto è una ricchezza aver avuto questo tuo parere. Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...