Gli uccelli da richiamo

Mi sento come l’ allodola, il merlo , il tordo, la cesena caduti nella rete. Son caduti mentre volavano verso la grande circonferenza equatoriale, com’era stabilito dal loro tempo, come doveva essere il loro viaggio naturale. Qualcuno è morto di dolore, la  ragione minuscola si è incrinata per il troppo spavento. Quelli inclini a una sopravvivenza inopportuna ancora cantano in piccole gabbie di bambù, nelle cantine o sotto le tettoie, col cuore gonfio per ogni striscia di luce, per ogni foglia e profumo di muschio. Cantano nei boschi, appesi ai rami nella loro scatola di legno. Finché un fratello della loro specie risponde, quel tanto di tempo micidiale che serve al cacciatore per prendere la mira.

image
la foto, splendida, è di Daniela Lazzareschi
Annunci
Gli uccelli da richiamo

3 pensieri su “Gli uccelli da richiamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...