La vasca di marmo

E quando sei venuta a bussare alla mia porta fasciata in una tuta e un paio di occhiali scuri che non hai tolto, quando hai parlato delle solite cose con l’aria di chi ha saputo prendersi le proprie piccole responsabilità, e quando mi hai salutata con due baci lontani lontani, ho capito che qualcosa di importante era capitato, che tu ed io eravamo cresciute, amica mia, e che non potevamo farci nulla. Ma tu non ricordi forse  i pomeriggi in cui abbiamo perso la voce a raccontare favole di labirinti e castelli, a inventare magie, ad aspettare che tramontasse il sole per ridere di paura e tenerci le mani. Oh, io non l’ho dimenticato e non potrò mai farlo, nemmeno ora che sono divenuta ingombrante e sottile, che mi sono rarefatta in una massa di carne adulta come succede a molte creature terrestri. Oh, io non l’ho dimenticato e per questo stanotte ho risalito la nostra collina, dove ci incontravamo prima delle cene estive, prima del profumo della citronella e l’odore del carbone nei barbecue sotto gli olivi. Il nostro rifugio ancora esiste, ci sono i cipressi, l’erba che punge e la piccola vasca di marmo tutta lucente di acque verdi e di cielo e di stelle. E quando mi sono specchiata e dietro le mie spalle c’erano buio e lingue di vento, ho visto d’un tratto un viso e una gran confusione, come molte persone che cantano per mano, senza sapere cosa, senza sapere perché. E ho avuto la certezza di essere malata di paura. Ma penso che sia perché mi manchi a morte.

Annunci
La vasca di marmo

12 pensieri su “La vasca di marmo

    1. Cara poetella, grazie di cuore
      …. Con voi mi sento a casa… Però scrivere non è mai stato facile per me… Tutte le volte che me ne vado è perché non riesco più a mettere insieme le parole, tremendi momenti di buio in cui scrivo e cancello finché non resta più nulla, oppure non scrivo affatto… Spero un giorno di liberarmi da questa intermittenza , che è assai penosa.
      Un grande abbraccio
      F.

      1. …spero che la tua voce non sia troppo intermittente… che magari la musica possa aiutarti a creare ponti tra quelle pause… ponti di scrittura… di bellezza…

  1. Valeria ha detto:

    Che potenza che hanno le tue parole! Una scrittura originale, che viene da dentro: si sente che sei autentica! …Un saluto, mi sa che ci siamo conosciute:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...