Ancora vittima di un orgasmo infecondo

Nicolas De Largillière-Étude de main
Nicolas De Largillière-Étude de main

Mi spoglio. Lavo prima i capelli, una volta. Insapono ascelle, collo del pelogatto, pube. L’acqua sulla testa. Raccolgo l’olio nella destra. Massaggio la corona della fronte, le tempie, la nuca. Ma come sono densi e fibrosi i capelli, così avidi sulle dita. E perché mi gira la testa, e starnutisco? Lascio il corpo sospeso sui piedi, l’acqua lo fa pesante e lo fa morbido, si alza il vapore. Ogni cosa ora è in una luce bugiarda. E io? Io. Io così bella, e i polmoni tutti vapore, sedotti e affaticati. E io così pesante. L’acqua sulla testa e infine io che giro il rubinetto. Ancora vittima di un orgasmo infecondo.

 

Sto ascoltando Mon coeur s’ouvre à ta voix dall’opera di Camille Saint-Saëns Samson and Delilah

 

Annunci
Ancora vittima di un orgasmo infecondo

4 pensieri su “Ancora vittima di un orgasmo infecondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...