è troppo facile mollare la gente

ho un amico con la testa piena di birra e sempre l’uccello in mano. oh fosca, tu sola mi capisci. benissimo, dico io, sediamoci e parliamone. e mi piomba in casa a qualsiasi ora del giorno e della notte coi nervi a pezzi e il fiato di scorreggia. recita poesie, beviamo vino, eccezionalmente mi lascio scopare.

io sola, biascica.

(devo andare via, mi squilla il telefono)

Annunci
è troppo facile mollare la gente

7 pensieri su “è troppo facile mollare la gente

  1. E. ha detto:

    Questa razzaccia temo di conoscerla… quelli che “solo tu mi capisci” e poi, per prudenza, si fidanzano con un’altra… ma quando le cose non vanno ti arriva un sms, una mail o giù di lì… giochini che ormai mi hanno esaurita e stufata. Un abbraccio e… una canzone a tema:

    But twice every year, when he’s in tears, he calls me and then… I am better than her. 😉
    P.S.: aspetto di leggere il seguito!

  2. Solitamente, mi porto rispetto. Questo vuol dire che quando mi capita o ci riesco sto in compagnia di persone che mi fa piacere incontrare, che mi arricchiscono e che in qualche modo mi allietano, mi coinvolgono intellettualmente o emotivamente, persone che capisco perché mi danno modo di farsi capire. Credo che per ognuno di noi sia lo stesso, difficilmente accettiamo volontariamente una tortura 🙂 Buon giorno Fosca 🙂

  3. caspita, ho passato il fine settimana fuori casa (uno dei pochi luoghi al mondo in cui è IMPOSSIBILE essere rintracciati via telefono e internet…) e trovo i vostri commenti, uno più bello dell’altro.
    @E. mi hai fatto scoprire un’artista che non conoscevo, ti ringrazio. e ti ringrazio anche della vicinanza morale. in questi giorni continuerò a scrivere del mio caro amico, così vedrai di che pasta è fatto.
    @allison burne, trovo che tu abbia perfettamente ragione. quasi nessuno di noi si sottopone a tortura e, come una catena, siamo forti esattamente come il nostro anello più debole. in ogni caso, per come la descrivi, la tua fibra appare luminosa e sana. dev’essere una ricchezza averti vicina!

    1. devo farlo capire anche alla mia pellaccia di brutto anatroccolo, che si sente sempre in debito per ogni alito d’attenzione,ogni gentilezza, ogni minima considerazione che riceve. sono in qualche modo afflitta da un senso di gratitudine impertinente (cioè, che non è pertinente) nei confronti degli intelligenti, dei belli, degli artisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...